Skip to content
0
Your cart is empty. Go to Shop
Menu
0
Your cart is empty. Go to Shop
Menu

Riviste Scienza e Conocenza

Scienza e Conoscenza

Scienza e Conoscenza

Il cuore e il suo campo magnetico

I 29 settembre è stato il Word Heart Day – La giornata mondiale del cuore. Che cosa centra quest’organo con la fisica, ti starai chiedendo? Tanto, tantissimo, perché il cuore genera il più grande campo elettromagnetico del corpo. Lo sapevi?

Il campo magnetico del cuore

Al nostro concepimento il cuore umano inizia a battere prima che il cervello si sia formato; questo che può sembrare un paradosso, in realtà non lo è affatto, perché il cuore ha un piccolo e proprio cervello formato da circa 40.000 cellule nervose, che nasce e si genera prima del cervello stesso e da cui viene emanato il più ampio campo elettromagnetico del corpo. Si, hai letto bene: il più ampio campo elettromagnetico di TUTTO il corpo. Gli scienziati hanno dimostrato che il cuore umano genera un campo energetico molto grande, più vasto e potente di tutti quelli generati da qualsiasi altro organo, compreso il cervello. Rispetto al quest’ultimo, il componente del campo del cuore è circa 60 volte maggiore in ampiezza, mentre il componente magnetico è di circa 5.000 volte più inteso del campo magnetico del cervello.

Questo campo elettromagnetico, di forma toroidale (considerata la più antica forma dell’universo), permea ogni cellula dell’organismo, trasmettendo informazioni a cervello e intestino, ma non solo, può essere rilevato a diversi metri di distanza dal corpo con magnetometri sensibili ed è dunque di fatto percepibile da altri soggetti che si trovino ad un raggio di 3 metri di distanza.

Ecco che il cuore non può essere “toccato” o “sentito” nel senso più materiale del termine, ma può essere toccata e percepita la sua forma, essenza stessa della vita.

Il campo magnetico del cuore è un vettore importante di informazioni sia interne che esterne al nostro corpo. Quello che gli scienziati hanno notato è che quando creiamo un’esperienza di amore, di gratitudine o di comprensione nel nostro cuore, ne viene informato il nostro cervello, e quando il segnale emanato dalle nostre cellule viene elaborato, il cervello genera quella che viene chiamata coerenza (coerenza cuore-cervello), o coerenza cardiaca, ovvero quello stato psicofisico ottimale di grande armonia ed equilibrio in cui corpo, mente ed emozioni sono sincronizzati.

PER APPROFONDIRE

Coerenza cardiaca di David O’Hare è una guida semplice come il suo titolo, un manuale per una vita autentica, una guida per imparare a condurre una vita più serena e più semplice attraverso la pratica quotidiana della risonanza cardiaca. Una guida per tutti i giorni, trecentosessantacinque giorni l’anno.

Relazioni e connessioni d’amore, che si creano attraverso l’incontro di campi elettromagnetici che tra loro si attraggono, prima ancora che tra corpi fisici che si cercano, realizzano il nostro anelito a sentirci pienamente vivi. Sono sempre più numerosi gli studi scientifici e le evidenze che confermano il potere che le relazioni e le interazioni affettive hanno sulla nostra vita. Ognuno di noi viene al mondo con la capacità di stabilire legami di cuore con l’Altro, grazie al quale costruiamo l’idea di IO (pensiamo alle prime esperienze infantili attraverso cui prendiamo coscienza di noi stessi tramite l’Altro, rappresentato dalla figura materna). Noi ci riconosciamo attraverso la reciprocità, tuttavia siamo ancora poco consapevoli di quanto questa reciprocità possa essere straordinaria.

Il legame tra cuore e terra

Gli studi sul campo magnetico del cuore risalgono a circa due decenni fa quando all’Institute of HeartMath (Istituto di matematica del cuore) di Boulder Creek, in California, un gruppo di ricercatori, motivati da un’intuizione spirituale si sono incontrati sul terreno scientifico per approfondire lo studio e la ricerca su quel centro ancora oggi misterioso che è vita e forza del corpo umano. Ciò che probabilmente è meno risaputo, è il fatto che il campo elettromagnetico del cuore, è sempre, per ogni istante della nostra esistenza, collegato al campo magnetico dell’universo e scambia continuamente informazione con lui.

Il cuore e il suo campo magnetico

“Essere un individuo, è essere un anello di una catena. Sempre. Non siamo elettroni sospesi da qualche parte nello spazio o particelle fluttuanti nel cosmo senza uno scopo. Siamo parte di una struttura atomica e questa è parte di una molecola che con altre, costituisce un corpo: il corpo universale. La vita è un continuum vivente, non esiste nulla che sia separato”, scrive la Dott.ssa Carmen di Muro nel suo La scienza del cuore. Il campo magnetico personale, funziona in armonia con il campo magnetico terreste.

La terra genera una “sinfonia” di frequenze, alcune delle quali si sovrappongono alle stesse frequenze create dal cuore mentre comunica col cervello.

Noi non siamo solo ricevitori di informazioni biologicamente rilevanti, la scienza ha dimostrato che il campo elettromagnetico irradiato da cuore e cervello quando si trovano in coerenza può influenzare in modo marcato, tanto noi stessi quanto altri individui, impattando sul benessere globale.

Quando gli individui sono allineanti in modo coerente e creano intenzionalmente, attraverso la meditazione o la preghiera, per esempio, onde fisiologicamente coerenti, i loro campi magnetici agiscono come onde che influenzano positivamente tutti i sistemi viventi contenuti nell’ambiente circostante, e quella che Jung chiamava “coscienza collettiva”. Se una fetta sufficientemente estesa della popolazione terrestre dovesse focalizzare il campo più potente del corpo umano su una singola emozione nello stesso momento, quell’ emozione avrebbe una risonanza incredibile, capace di provocare cambiamento.

È proprio questo rapporto apparentemente antico e quasi olistico fra il cuore umano e cuore della terra ad aver generato una splendida teoria e il progetto che la sta esplorando.

La saggezza orientale, da secoli aveva sperimentato che quando i membri di un gruppo sono sintonizzati nella stessa frequenza emozionale, hanno il potere di generare un campo magnetico collettivo potentissimo che amplifica le informazioni ed è in grado di creare cambiamento. Detto oggi, con le parole della scienza: il rapporto fra il cuore umano e il campo magnetico terrestre suggerisce che una intensa emozione collettiva esercita un impatto misurabile sul campo geomagnetico della Terra.

Prova ad immaginare che cosa accadrebbe se tutti iniziassimo ad “aggiungere” più cuore ai nostri pensieri e alle nostre azioni. Un cambiamento in ciò che proviamo verso noi stessi e il nostro mondo ha il potenziale di influire sul mondo stesso… E l’universo fornisce costanti promemoria d’amore a coloro che lo sanno ascoltare!

“Vasto come questo spazio esterno è il minuscolo spazio dentro al nostro cuore: in esso si trovano il cielo e la terra, il fuoco e l’aria, il sole e la luna, la luce che illumina e le costellazioni, qualunque cosa quaggiù vi appartenga e tutto ciò che non vi appartiene, tutto questo è raccolto in quel minuscolo spazio dentro al vostro cuore” (Chandogya Upanishad)

Vi auguro un cuore capace di amare e di ricevere gioia!

Francesca

Nello Shop on-line troverai una sezione dedicata alle Nuove Scienze, promozioni e sconti sui libri.

Lascia un commento

Scopri gli ultimi numeri della rivista

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna al negozio